Inicio / ACTUALIDAD / Caso Alberto Fujimori: lo Stato peruviano ha confermato in udienza che le sentenze della Corte Interamericana saranno perquisite

Caso Alberto Fujimori: lo Stato peruviano ha confermato in udienza che le sentenze della Corte Interamericana saranno perquisite

Lo Stato peruviano entrerà in qualsiasi decisione decida la Corte interamericana. VIDEO: YouTube

La Corte Interamericana dei Diritti Umani (Corte Interamericana dei Diritti Umani) tiene un’audizione pubblica sulla richiesta di misure provvisorie presentata dai rappresentanti delle vittime dei casi Barrios Altos e La Cantuta. Ciò è dovuto all’ordine della Corte costituzionale di rilasciare l’ex presidente Alberto Fujimori.

La sessione si svolge nell’ambito della 147a sessione regolare. Segui il pubblico dal vivo:

La Corte ascolta gli avvocati delle vittime dei crimini di Barrios Altos e La Cantuta, nonché i rappresentanti dello Stato prima di decidere se concedere le misure provvisorie richieste prima della riattivazione della grazia ad Alberto Fujimori.

Durante l’udienza, Gloria Cano, in rappresentanza delle vittime di Barrios Altos e della Cantuta, ha ricordato che a seguito delle misure emesse dalla Corte nel 2018, la Corte Suprema ha ritenuto che la grazia non fosse regolare e l’ha annullata.

Tuttavia, ha aggiunto, la Corte costituzionale (TC) ha emesso una sentenza da tre a tre che ha deciso di rilasciare Fujimori dal carcere. Questo, nonostante la concessione di una «grazia fraudolenta», ha detto.

Quindi, l’avvocato delle vittime, Carlos Rivera, ha sottolineato che la sentenza TC pone la questione in una situazione «grave» perché la restituzione della grazia da parte di questo più alto organo costituzionale è esclusiva di responsabilità e quindi inammissibile per gravi violazioni dei diritti umani.

«La Corte Costituzionale non ha rispettato le garanzie del processo ed è di dubbia legalità come indicato dal voto del magistrato Ledesma», ha detto.

Poi ha preso la parola il procuratore sopranazionale Carlos Reaño, che ha spiegato alla Corte Interamericana che lo Stato peruviano riconosce la divisione dei poteri e degli organismi autonomi come il TC e che questo è il più alto organo nell’interpretazione della Costituzione peruviana.

Tuttavia, Reaño ha anche specificato che lo Stato peruviano, al momento della firma della Convenzione americana, si è impegnato a rispettare le decisioni dell’istanza sovranazionale come la Corte Interamericana.

Allo stesso modo, il sostituto procuratore Carlos Llaja ha riferito che la Corte Suprema li ha informati che il caso di grazia è stato archiviato, con solo il pagamento delle riparazioni civili da parte di Fujimori pari a circa S/ 51 milioni in sospeso.

Al termine dell’udienza, la Corte Interamericana ribadisce di aver emesso una risoluzione il 30/03/22 chiedendo allo Stato del Perù di astenersi dall’eseguire la decisione della Corte costituzionale che ordina il rilascio di Fujimori, fino a quando non si delibera sulle misure provvisorie richieste dalle vittime.

PREVIA

Nel documento che informava la chiamata, erano presenti rappresentanti delle vittime, dello Stato peruviano e della Commissione interamericana per i diritti umani. Cosa si potrebbe concordare in questa sessione?

Secondo l’ex procuratore César Azabache, oggi si deciderà se eseguire o meno la decisione della Corte costituzionale, che ha restituito la grazia all’ex presidente e ne ha ordinato la partenza dal carcere di Barbadillo. Si ricorda che la Corte interamericana ha chiesto al governo di non dare effetto al rilascio fino a un’altra udienza programmata per il 6 aprile si tiene.

«(Venerdì) è la prima udienza sulla richiesta di misure provvisorie, discuteremo di ciò che è successo nella Corte Costituzionale, di come la sentenza TC sia allineata con la risoluzione della Corte interamericana del maggio 2018 e di cosa si dovrebbe fare per preservare i diritti delle vittime», ha detto in RPP Noticias.

La sessione è stata convocata per venerdì 1 aprile alle 14:00 (ora peruviana). Sono stati convocati i rappresentanti delle vittime di questi due casi, lo Stato peruviano e la Commissione interamericana per i diritti umani.

QUANDO EMETTERÀ UNA SENTENZA IL TRIBUNALE INTERAMERICANO?

Dopo la sessione, venerdì sera, 1 aprile o sabato 2 aprile, verrà pubblicata la decisione della Corte sulle misure provvisorie che lo Stato deve adottare per garantire il diritto alla giustizia delle vittime, come ha detto Azabache.

Inoltre, «il 6 aprile è l’udienza che era già prevista per discutere lo stato di conformità con le sentenze originali di Barrios Altos e La Cantuta».

POSIZIONE DELLA IACHR SULLA GRAZIA

In precedenza, la Commissione interamericana aveva già espresso il suo disaccordo con la sentenza del TC. Il 18 marzo, in una dichiarazione sul suo account Twitter, ha affermato che ciò ostacolava il rispetto degli obblighi della sua stessa sentenza.

«La IACHR esprime profonda preoccupazione per la decisione della Corte Costituzionale che ordina il rilascio di Alberto Fujimori. Colpisce il diritto delle vittime alla giustizia e ostacola il rispetto degli obblighi internazionali della Corte interamericana nei casi Cantuta e Barrios Altos», ha detto in un tweet.

ASTUCCI BARRIOS ALTOS E LA CANTUTA

Fujimori è stato condannato a 25 anni di carcere per crimini commessi a Barrios Altos e La Cantuta, come autore mediato dei crimini di omicidio qualificato e lesioni gravi.

Il massacro di Barrios Altos è avvenuto il 3 novembre 1991, quando sei individui incappucciati e armati del gruppo Colina hanno fatto irruzione in una casa in via 840 a Jirón Huanta, dove si stava svolgendo una pollada. Pensavano che le persone in casa avessero legami con i terroristi, quindi fu loro ordinato di cadere sul pavimento e poi sparargli indiscriminatamente. Quindici persone sono morte, tra cui un bambino di 8 anni di nome Javier Ríos Rojas, e altre 4 sono rimaste gravemente ferite.

Il caso La Cantuta si è verificato pochi mesi dopo, il 18 luglio 1992, presso l’Università Nazionale di Educazione Enrique Guzmán La Valle (La Cantuta). Nove studenti e un insegnante sono stati prelevati dalle loro residenze e poi sono scomparsi. I resti di due di loro sono stati trovati in tombe clandestine un anno dopo. La paternità diretta è stata attribuita anche al Grupo Colina.

CONTINUA A LEGGERE

también puedes leer

Lista de los 10 videos en YouTube que son tendencia en España este día

En un mundo moderno tan vertiginoso y estresante es normal que la gente busque diversas …

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *